Imported LayersCHIUDI PANNELLOVARIETÅ copyARROW DOWN

Differenza tra carta di credito e carta di debito

Fino a qualche anno fa esisteva solamente il Bancomat. Oggigiorno invece esistono innumerevoli carte emesse dagli Istituti di Credito: carte di credito, carte di debito, carte prepagate, carte conto tascabili e altre. Non avere ben chiaro il funzionamento e le caratteristiche di questi strumenti può esse un limite al loro sfruttamento per compiere acquisti senza utilizzare il contante.

Carta di debito

Definita anche carta di pagamento, o più comunemente Bancomat (dal nome del circuito che utilizza in Italia), questa tipologia di carta consente al titolare di utilizzare due principalmente due servizi: il prelievo di denaro presso ATM e il pagamento presso gli esercizi commerciali. La spesa viene effettuata con la formula pay now, ossia l’importo speso, o prelevato in contanti, viene addebitato immediatamente sul conto corrente o conto deposito al quale è associata la carta. L’acquisto non è quindi possibile laddove non ci sia disponibilità della cifra in conto o l’importo superi il massimale imposto dalla carta.

Carta di credito

Con questo strumento è possibile effettuare acquisti di importi superiori alla disponibilità effettivamente presente sul conto. Il pagamento infatti è regolato dalla formula pay later, ossia l’addebito in conto avviene in un momento successivo a quello in cui viene utilizzata la carta. Le carte di credito comuni (dette “a saldo”) consentono di posticipare l’addebito alla metà del mese successivo a quello in cui viene effettuato l’acquisto; mentre le carte di credito revolving permettono di dilazionare l’addebito in più rate.

La principale differenza tra le due tipologie è dovuta quindi al momento in cui viene addebitata la spesa: con la prima spendiamo del denaro di cui siamo già in possesso, con la seconda invece spendiamo una cifra che ipotizziamo di avere disponibile in un prossimo futuro, ma di cui non abbiamo possesso al momento dell’acquisto. Esistono altre differenze tra i due prodotti: tipicamente la carta di credito è dotata di massimali più elevati, funziona su circuiti di pagamento diversi, e viene richiesta come cauzione per la fruizione di determinati servizi (noleggio auto, prenotazione hotel, ecc). Come giusto che sia, servizi di questa tipologia prevedono dei costi (così come il fatto di disporre di denaro “in prestito”), tipicamente compresi in un canone annuo, una commissione sulle spese o una commissione sulla rateizzazione del pagamento (laddove previsto). E’ doveroso ricordare che, nel malaugurato caso in cui vi doveste ritrovare scoperti al momento del pagamento, sarà a discrezione della banca segnalarvi come cattivi pagatori alla Centrale Rischi, con conseguenze decisamente spiacevoli che potrebbero minare la possibilità di richiedere mutui e finanziamenti.

Il suggerimento è quello di limitare l’utilizzo della carta di credito laddove strettamente indispensabile e prediligere l’utilizzo della carta di debito. contomax offre gratuitamente a tutti i propri clienti la carta di pagamento evoluta con tecnologia contactless che permette di effettuare pagamenti con le cifre disponibili su contomax Free, sia offline che online.